Melissa Zino - Wellness Influencer & Fitness Blogger Lifestyle

Buon lunedì ragazzi e ben ritrovati! Come avete trascorso questo weekend? Il mio è stato piuttosto piacevole e, soprattutto, ben equilibrato tra relax, allenamenti e un po’ di lavoro. Questa settimana sarà breve ma intensa. Giovedì mattina alle 06:00 infatti partiamo per Marrakech per cui ho solamente tre giorni per fare quello che normalmente avrei fatto in un’intera settimana, oltre ovviamente a preparare la valigia ed organizzarmi un po’ per il viaggio. Quindi non perderei ulteriore tempo e passerei subito a raccontarvi cosa ho combinato durante questo weekend. Riavvolgiamo il nastro e torniamo a venerdì sera, ovvero al mio terzo allenamento sotto la guida del mio PT Gabriele. Si è conclusa la prima workout week di questo nuovo percorso fitness che ho deciso di intraprendere e, come oramai vi ho promesso più volte, appena avrò consolidato questa routine, ve ne parlerò approfonditamente. Vi anticipo che sono davvero entusiasta di questa scelta, la mia motivazione è alle stelle e, anche se è solamente l’inizio, sto già notando i primi risultati. Ora vorrei semplicemente soffermarmi su un aspetto di cui effettivamente parlo poco, quello che gli americani chiamerebbero booty gainz. In genere vi racconto sempre dei miei addominali, non per niente li ho anche messi come immagine di copertina di questo post, e trascuro un po’ la parte posteriore del mio corpo per cui oggi ho deciso di mettere proprio i miei glutei sotto i riflettori.

Melissa Zino - Wellness Influencer & Fitness Blogger Lifestyle

Il motivo per cui mi concentro maggiormente sui miei abs è dovuto al fatto che ricevo molta attenzione e tante domande da parte vostra proprio su di loro. In effetti, se devo essere onesta, soprattutto per una donna è sicuramente più difficile ed impegnativo conquistare un addome scolpito piuttosto che lavorare sui glutei ottenendo buoni risultati. Il grasso che geneticamente il sesso femminile accumula a livello addominale è nella maggior parte degli individui molto più difficile da debellare piuttosto che quello a livello dei glutei. Questo, dal mio punto di vista, è dovuto a tre fattori principali. Primo, madre natura ci ha create atte al concepimento ed il nostro corpo farà sempre di tutto per preservare questa nostra capacità che può essere garantita solo se tutte le funzioni organiche e i processi fisiologici avvengono correttamente e questo implica non scendere sotto una data percentuale di grasso. Secondo, per avere la tanto agognata “pancia piatta” si deve seguire un’alimentazione davvero pulita e costante nel tempo che forse rappresenta l’aspetto più difficile da mettere in pratica, ancora di più che allenarsi con impegno e determinazione- questo non significa certo però intraprendere diete drastiche e punitive. Terzo ed ultimo, l’addome scolpito è la conseguenza di una bassa quota di grasso corporeo e si ottiene quindi solamente riducendo la suddetta percentuale di massa grassa ed essendo gli addominali muscoli minori e meno estesi c’è meno possibilità per questi di svilupparsi ed andare ad erodere la massa grassa. Invece per quanto concerne i glutei, diciamo che una certa percentuale di grasso può sicuramente essere utile per conferire quella rotondità di cui parlavamo ed essendo muscoli più estesi e che svolgono un lavoro più intenso hanno più probabilità di svilupparsi ed andare a prendere il posto della massa grassa. Ovviamente l’alimentazione gioca sempre un ruolo chiave ma credetemi se vi dico che fare la fame non vi regalerà mai glutei torniti. Ma se è relativamente più semplice ridurre la percentuale di massa grassa in corrispondenza dei glutei, questo non significa che come risultato avremmo un sedere rotondo e scolpito. Infatti molto spesso si nota in chi sta seguendo un percorso di dimagrimento uno svuotamento dei glutei stessi e una perdita di tonicità. L’obiettivo ultimo è invece proprio l’esatto opposto: riduzione sì del grasso corporeo ma mantenimento di glutei sodi e con una forma armonica. Questo si può ottenere grazie ad allenamenti costanti e mirati ed esercizi (tra i miei preferiti ci sono sicuramente l’hip thrust e gli affondi incrociati ma anche i kick back e gli stacchi a gambe tese) in cui si va ad isolare il gluteo. In questo modo lo stimolo fornito al muscolo sarà in grado di farlo lavorare in modo tale che la massa magra si sviluppi e vada a poco a poco a sostituirsi a quella grassa che ovviamente non verrà eliminata del tutto ma sarà talmente controllata da apportare solamente benefici in termini di forma e rotondità e non indesiderati accumuli adiposi.

Melissa Zino - Wellness Influencer & Fitness Blogger Lifestyle

Dopo questo excursus sui glutei torniamo a noi e alle mie avventure del weekend. Venerdì sera dopo un allenamento piuttosto intenso ed una veloce cena sono crollata a letto prestissimo. Questo però mi ha permesso di svegliarmi di buon’ora sabato mattina e di preparare un ottimo brunch a base di french toast. Vi ho già parlato di questa mia ricetta che rivisita in chiave healthy un grande classico della colazione americana. Infatti io utilizzo pane integrale 100%, uova, burro di cocco, frutta fresca, in questo caso banane, frutta secca di vario tipo – qui ho anche aggiunto un cucchiaino di burro di arachidi 100% – cannella e sciroppo d’acero biologico.

Melissa Zino - Wellness Influencer & Fitness Blogger Lifestyle

Dopo aver gustato questa delizia, mi sono messa al pc per sbrigare un po’ di lavoro e poi ho preso parte alla mia consueta lezione di yoga. Il pomeriggio invece è trascorso tra qualche coccola beauty (grazie Instagram stories per aver introdotto i filtri che rendono sopportabili anche i momenti horror in cui si ha una maschera viso in posa!) e una buona dose di faccende domestiche. Ho però trovato il tempo anche di andare a fare una lunga e solitaria passeggiata. Ultimamente apprezzo tantissimo questo tempo che riesco a ritagliarmi per camminare: oltre ad aiutarmi a sciogliere i muscoli e a riattivare la circolazione trovo che riesca anche a rilassarmi e a decomprimere i miei pensieri, sento proprio la mente che si svuota da tutto e inala nuovo e fresco ossigeno.

Melissa Zino - Wellness Influencer & Fitness Blogger Lifestyle

Sabato sera ancora una volta avevamo ospiti a cena, una coppia di amici che non vedevamo da parecchio tempo e abbiamo optato, proprio come il sabato precedente, per ordinare del sushi da asporto: io ho scelto i miei soliti uramaki amaebi roll e del sashimi misto. Non abbiamo fatto molto tardi anche perchè loro hanno un bimbo piccolo per cui sono andati a casa piuttosto presto e così anche noi ne abbiamo approfittato per recuperare qualche ora di sonno arretrato. Domenica mattina è trascorsa nel più totale relax e poi abbiamo raggiunto la mia famiglia e dei loro amici per un pranzo sul lago. Nonostante la giornata fosse stupenda e lo scenario davvero suggestivo, purtroppo non posso dire la stessa cosa del cibo. Io onestamente non avevo molto appetito per cui ho scelto semplicemente una tartare di code si scampi e un piatto di verdure lesse. Il pesce era fresco e buono ma le verdure non erano un granchè e le patate erano crude, una delle cose più odiose in assoluto! Alcune portate degli altri commensali erano discrete, altre decisamente orribili. L’aspetto peggiore è stato comunque il servizio: proprietaria e personale scortese, arrogante ed incompetente, confusione durante le ordinazioni, non rimpiazzo delle posate tra una portata e l’altra per cui avevamo davanti il piatto e non potevamo mangiare; pietanze fredde (perchè scongelate al momento e non fresche), branzino alla griglia ricoperto di olio e disposto su carta forno con tanto di crosticina arrosto (???), piatti in menu poi non disponibili e, ultimo ma non meno importante, toilette in condizioni disastrose. Per tutti questi motivi vi svelo che sto parlando del ristorante Barcaiolo in Piazza del Popolo ad Arona.

Melissa Zino - Wellness Influencer & Fitness Blogger Lifestyle

Archiviata questa brutta esperienza, abbiamo fatto una breve passeggiata sul lago e poi siamo ritornati a casa a rilassarci un po’. Dato che non era molto tardi ne abbiamo approfittato per andare a fare una mini spesa delle cose che ci mancavano per questi pochi giorni in cui rimaniamo a casa, una cena veloce e poi a nanna, pronti ad affrontare questa nuova settimana. Bene ragazzi, anche per oggi direi che è tutto. Fatemi sapere se vi va quali sono state le avventure del vostro weekend. Io vi saluto, credo di riuscire a pubblicare un altro post prima della partenza e poi, come al solito ci ritroviamo qui al mio ritorno con un bel travel recap ma nel frattempo potete seguirmi sui miei social: InstagramFacebookTwitter.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *