Melissa Zino - Wellness Influencer & Fitness Blogger Lifestyle

Buon lunedì ragazzi! Come avete trascorso il weekend? Il mio è stato piuttosto sottotono. Innanzitutto avevo bisogno di riposare, dormire e rilassarmi in previsione di questa settimana che si preannuncia molto busy. In secondo luogo, come vi avevo anticipato nel post di venerdì, io e Matteo abbiamo una cabina armadio da organizzare e, credetemi, non è così semplice e indolore! In pratica ora siamo nella fase “E’ esplosa una bomba dentro casa!”. Anche perchè stiamo anche imbiancando altre stanze! Aiutooooo, voglio fuggire! Io ribalto copertoni ma quando si tratta dei lavori di casa, ecco…ho altre qualità! 😉

Melissa Zino - Wellness Influencer & Fitness Blogger Lifestyle

Venerdì sera quindi, dopo il mio solito allenamento, sono rientrata a casa e ho iniziato a spostare mobili e suppellettili in previsione dell’arrivo degli imbianchini il giorno seguente. Poi ovviamente sono crollata a letto. Sabato mattina ho lasciato il caos di casa per immergermi nella più che necessaria e meritata lezione di yoga. Dopo pranzo ho lavorato un po’ al pc e ho ricevuto altre foto del servizio fotografico che ho fatto per lanciare il mio sito. Piano piano ve le mostrerò tutte. Intanto cosa ne pensate di queste?

Melissa Zino - Wellness Influencer & Fitness Blogger Lifestyle  Melissa Zino - Wellness Influencer & Fitness Blogger Lifestyle

Sabato sera volevamo andare al cinema a vedere Deepwater ma abbiamo fatto troppo tardi e ce lo siamo persi, così abbiamo optato per una sempre ottima e piacevole cenetta a base di sushi. Sono decisamente nel periodo Chirashi al salmone!

Melissa Zino - Wellness Influencer & Fitness Blogger Lifestyle

Domenica altra giornata poco interessante. Ecco come si presentava il panorama fuori dalla nostra finestra: pioggia a dirotto e freddo che comincia a farsi sentire, soprattutto da me che sono estremamente freddolosa anche se amo l’inverno. E come potrei non adorarlo, sono nata il 26 dicembre!

Melissa Zino - Wellness Influencer & Fitness Blogger Lifestyle

Comunque visto che non ho molto da raccontarvi su questo weekend, è l’occasione giusta per affrontare un argomento che in questo periodo mi sta molto a cuore e che in questo post vi avevo promesso che vi avrei spiegato nel dettaglio. In poche parole non è un periodo positivo per la mia forma fisica. Come magari già sapete, questa primavera mi ero infortunata e non ero riuscita a partecipare alla gara di Crossfit a Torino a cui ero iscritta. In parole povere ho un problema strutturale alla colonna vertebrale, in particolare alle vertebre cervicali dovuto in parte alla mia genetica ed in parte ai tanti anni di ginnastica artistica; oltre a due protusioni sempre a livello cervicale. Tutto ciò mi provoca dei blocchi all’altezza delle scapole, soprattutto dal lato destro, che quando si infiammano particolarmente possono girare anche sul fianco e raggiungere il basso torace o scendere lungo il braccio fino alla mano. Il movimento peggiore per questo mio problema è portare il bilanciere sopra la mia testa (quindi push-press, clean&press e clean&jerk, thruster, overhead squat). Io non mi sono mai risparmiata nei miei workout e questo non ha agevolato per nulla la situazione. Questa estate ho cercato di riposare e quando a fine agosto ho ripreso gli allenamenti sentivo di non essere ancora a posto, così ho deciso di ridurre i carichi e di inziare a fare yoga per lavorare sull’allungamento dei miei muscoli. Comincio a sentire qualche effetto positivo ma sono ancora molto lontana dalla perfetta forma fisica. Se a tutto ciò aggiungo le ultime news, ovvero un ispessimento dei tendini plantari e una tendinite al ginocchio destro…ecco magari mi iscrivo al circolo del bridge vah!

Melissa Zino - Wellness Influencer & Fitness Blogger Lifestyle

Per una persona che lavora con il proprio corpo potrebbe risultare un po’ frustrante e demotivante questa condizione. E invece no, ragazzi! Certo, non posso nascondervi che non sempre è facile; a volte ho attimi di sconforto ma poi la mia mente torna subito sulle frequenze positive: rimango concentrata e focalizzata sullo schema generale delle cose senza farmi abbattere da piccoli ostacoli durante il cammino. Cerco di prendermi cura di me stessa e di adattare i miei allenamenti a ciò che in questo preciso istante mi sta chiedendo il mio corpo e, probabilmente sta invocando uno slow down e io ho il dovere di ascoltarlo ed assecondarlo. Vado sempre in palestra quasi ogni giorno ma, come vi dicevo, ho ridotto i carichi, ho sostituito alcuni esercizi con altri (aspetto positivo tra l’altro che mi consente di variare l’allenamento e renderlo più interessante) e ho iniziato anche un lavoro di stretching molto approfondito. Vi farò sapere come procede. L’unica cosa che non dobbiamo mai fare? Arrenderci. Ci sono 1000 modi per arrivare alla meta. Se uno, due, dieci, cento non funzionano non significa che altri gli altri sono un completo fallimento. Anzi, possono rivelarsi persino migliori!

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *