Melissa Zino - Wellness Influencer & Fitness Blogger Fitness Food Wellness

Post in collaborazione con Juice Plus+

Buongiorno ragazzi e ben ritrovati qui sul blog. Purtroppo oggi si conclude il mio viaggio insieme a Juice Plus+ tra le protagoniste dello sport italiano ma prima di salutarci ho in serbo per voi ancora una sorpresa: infatti l’ultima tappa di questa meravigliosa avventura mi ha portata sul ring. Sì, avete capito bene, mi sono cimentata nella boxe e ho avuto l’onore ed il piacere di incontrare Irma Testa, la prima donna pugile italiana a ottenere una qualificazione olimpica. Quindi, fossi in voi, mi metterei comoda e mi gusterei tutti i suggerimenti e i consigli che questa incredibile atleta mi ha dato. 

Prima di proseguire però volevo ricordarvi che se vi foste persi gli appuntamenti precedenti con Sara Cardin, campionessa mondiale di karate, e con Elisa Di Francisca, campionessa mondiale di scherma, ve li lascio qui sotto in modo che possiate recuperarli e leggerli perchè contengono davvero informazioni interessanti e molto preziose:

Ma ora torniamo ad occuparci di guantoni e colpi bassi. Non vi nego che ero piuttosto in ansia nel dovermi confrontare con uno sport così duro e fisico in cui entrano in gioco davvero tantissimi fattori: la tecnica, la forza, la resistenza, la velocità, la prontezza di riflessi, insomma un mix davvero esplosivo. Fortuna che al mio fianco a sostenermi e a darmi la carica c’era come sempre Juice Plus+ e a darmi le giuste indicazioni e la necessaria dose di motivazione c’era un’atleta del calibro di Irma Testa per cui, ho lasciato da parte tutti i miei dubbi, e mi sono lanciata in questa nuova avventura. 

La nostra giornata è iniziata come sempre con un’ottima colazione. Irma mi ha svelato che le sue parole d’ordine sono equilibrio e varietà per fornire al nostro corpo tutti i nutrienti di cui ha bisogno senza farlo abituare solo a determinati alimenti: via libera quindi a latte e cereali, frutta oppure, perchè no, anche ad una colazione salata. Nemmeno il tempo di finire il mio caffè che la nostra giornata è partita come si suol dire, subito in bomba, Irma non mi ha fatto di certo sconti e mi ha subito messo alla prova con un workout killer grazie ad una serie di esercizi metabolici che uniscono forza esplosiva e resistenza aggiunti ad esercizi di agility. Per affrontare questo sforzo Irma, proprio come aveva già fatto Sara, mi ha consigliato di integrare con Uplift by Juice Plus+, ricco di vitamine essenziali del gruppo B da mango, guava e limone, caffeina naturale dall’Erba Mate ed esclusivi ingredienti energizzanti con un gusto di amarena e barbabietola. E quando una campionessa mondiale ti dà un suggerimento tu non puoi certo sottrarti, soprattutto se ti rendi conto di avere davvero bisogno di un boost di energia per stare al passo.

Al termine del nostro allenamento Irma, mi ha suggerito di integrare con Juice Plus+ Miscela Omega, una combinazione di acidi grassi omega 3, 5, 6, 7 e 9 di origine vegetale da semi, frutti e alghe importanti per chi come Irma sottopone il proprio fisico a stress importanti. Tra colazione, palestra e chiacchiere su alimentazione e benessere è poi arrivata l’ora del pranzo e non volendo perdere troppo tempo abbiamo optato per uno Shake Complete by Juice Plus+, un pasto completo che fornisce un apporto equilibrato di carboidrati, proteine, fibre dietetiche, grassi, vitamine e minerali. Lo Shake Complete non solo è nutriente e bilanciato ma anche super goloso, disponibile nei due gusti cioccolato e vaniglia. E’ anche molto semplice e veloce da preparare: sarà sufficiente frullare un misurino di Complete con 250 ml di latte magro (o altra bevanda vegetale). Un’altra validissima e comodissima alternativa da portare sempre con sè e consumare quando si vuole sono le barrette Complete by Juice Plus+, disponibili in due gusti, cioccolato e mix di frutta (mirtilli rossi, uvetta sultanina, bacche di goji, mango, fragole, datteri e arachidi), sono ricche di proteine ad alto valore biologico e fibre grazie alla presenza dei semi di lino ma senza glutine, coloranti e aromi artificiali.

Recuperate le energie, mi aspettava la seconda e più impegnativa parte della giornata: Irma mi ho proprio detto chiaramente che avrei dovuto tirare fuori gli occhi della tigre! Io onestamente non vedevo l’ora di salire sul ring e mettermi alla prova ma prima ho seguito una lezione su come colpire al sacco: Irma è stata molto dettagliata nella spiegazione della tecnica precisa che bisogna adottare ed io ho cercato di seguire tutte le sue istruzioni e ne sono uscita distrutta, non sentivo più braccia e spalle ma anche gambe e glutei erano piuttosto mal ridotti! Ero decisamente pronta per un po’ di riposo e relax e, ovviamente una super meritata cena: Irma mi ha detto che preferisce tenersi leggera alla sera e consumare prevalentemente verdure accompagnate da proteine come pollo o salmone ed io non potrei essere più d’accordo.

Era arrivato quasi il momento di salutarci ma c’è stato tempo ancora per qualche piccolo consiglio extra: per Irma, come per tutti gli atleti professionisti, dormire bene è fondamentale tanto che si concede anche un pisolino pomeridiano per riuscire a raggiungere le giuste ore di riposo giornaliere. Altro aspetto importantissimo riguarda l’idratazione: i famosi 8 bicchieri d’acqua al giorno sono un toccasana per la nostra salute ma Irma ha alzato addirittura la posta e mi ha confidato che prima di coricarsi alla sera beve mezzo litro d’acqua e al mattino si sente più fresca e riposata. Io personalmente non potrei farlo perché altrimenti mi dovrei alzare nel cuore della notte per andare il bagno e interromperei il mio sonno ristoratore e preferisco quindi bere durante la giornata; invece sono assolutamente d’accordo sul consumare 5 porzioni di frutta e verdura al giorno per fare il pieno di vitamine e minerali e prediligere snack di questo tipo tra un pasto e l’altro per non arrivate troppo affamati: comunque sappiate che io ed Irma non condividiamo la stessa forza nei bicipiti ed il numero di medaglie d’oro vinte ma la passione per le albicocche sì! Direi che non è male come inizio!

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *